L’INPS ha comunicato che le aziende devono continuare a trasmettere i flussi di regolarizzazione in caso di conguagli di assegni per il nucleo familiare arretrati di importo superiore a 3.000 euro.