L’Istituto ha reso note alcune precisazioni per la corretta applicazione dell’esonero per le assunzioni di lavoratrici “svantaggiate” avvenute nel biennio 2021-2022.