L’Istituto ha fornito le indicazioni necessarie per effettuare, ove previsto, il versamento del contributo addizionale dello 0,50% in caso di rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione, introdotto dal “Decreto dignità”.